Unione: 350mila euro ai Comuni per caro utenze - Comune di Montechiarugolo

archivio notizie - Comune di Montechiarugolo

Unione: 350mila euro ai Comuni per caro utenze

Unione: 350mila euro ai Comuni per caro utenze

 

L’Unione Pedemontana Parmense ha deciso di aiutare i suoi cinque Comuni, tra i quali Montechiarugolo, ad affrontare questo periodo difficile, restituendo loro 350 mila euro dall’avanzo d’amministrazione vincolato applicato, pari a circa 600mila euro. Avanzo che complessivamente, tra parte vincolata e non vincolata, ammonta a 2,9 milioni di euro.

 

Di fatto un “taglio” dei trasferimenti, approvato durante la seduta del Consiglio di giovedì 28 aprile con una variazione al Bilancio di previsione 2022, che discende dal Rendiconto al bilancio 2021, anch’esso approvato nella medesima seduta.

 


 

«Un rendiconto solido – ha affermato il presidente dell’Unione Pedemontana con delega al Bilancio Daniele Friggeri –, in cui è stata fatta un’analisi dettagliata del passato, ad esempio sul fondo crediti di dubbia esigibilità, sui proventi dalle sanzioni per le violazioni del Codice della strada. Si è quindi cercato di destinare il più possibile una parte dell’avanzo non vincolato che consentisse, in una condizione di straordinaria difficoltà per i Comuni, di poter dare loro un po’ di ossigeno – ha precisato Friggeri – 

I 350mila euro consentono di abbattere notevolmente i trasferimenti che riguardano la parte corrente, quella più in sofferenza. Il Rendiconto mette inoltre in evidenza quelli che sono i contributi, pari a 179.000 euro circa, per progettualità che riguardano la sicurezza, la mobilità sostenibile e il welfare, con ulteriori risorse destinate ad Azienda Pedemontana sociale per l’assistenza scolastica ai ragazzi con disabilità, che anche in questo caso andranno a ridurre i trasferimenti dai Comuni».


Nella variazione al bilancio l’Ente si è tuttavia cautelato, trattenendo 200 mila euro dall’avanzo non vincolato per poter dare un ulteriore sostegno ai Comuni e all’Unione stessa, mettendola al riapro dagli eventuali scompensi sulle previsioni di entrata dalle sanzioni al Codice della Strada o dall’imposta di soggiorno. Il rendiconto e la variazione al bilancio sono stati approvati dai consiglieri di maggioranza del gruppo “Pedemontana Socialista e Democratica”, mentre la minoranza di “Cambiamo la Pedemontana” si è astenuta. 

 

Noemi Manzani entra in Consiglio

 

 

La seduta dello scorso 28 aprile ha visto l'ingresso ufficiale in Consiglio di Noemi Manzani, rappresentante del gruppo di opposizione del Comune di Montechiarugolo. La neoconsigliera, che nel suo Comune siede tra i banchi della minoranza di “Coinvolgere Montechiarugolo”, in Unione ha scelto di collocarsi tra le fila del gruppo di minoranza “Cambiamo la Pedemontana”

 

A darle il benvenuto, a nome di tutto il Consiglio, è stato il presidente Giuseppe Meraviglia «Come gruppo, abbiamo ritenuto che i tempi fossero maturi per portare il nostro apporto in Consiglio – ha affermato Manzani –. La mia nomina rappresenta la volontà di contribuire all’importante lavoro che un territorio così vasto richiede. La posizione di “Cambiamo Montechiarugolo” nei confronti dell’Unione, tuttavia,  non è cambiata – ha aggiunto –. Le nostre convinzioni sono le stesse e presentano non poche riserve, a partire dalla sua architettura che sembra contraddire quella che è la morfologia del territorio, causando un deficit in alcuni servizi che hanno bisogno di una presenza costante senza essere dispersivi, come quello della Polizia locale».

 

La neoconsigliera ha infine rimarcato come tra gli obiettivi primari del gruppo ci sarà quello di avere in Consiglio un rappresentante in più in quota all’opposizione di Montechiarugolo.  


Pubblicato il 
Aggiornato il