“La città di tutti. Le radici del futuro” - Comune di Montechiarugolo

archivio notizie - Comune di Montechiarugolo

“La città di tutti. Le radici del futuro”

“La città di tutti. Le radici del futuro”

 

Lunedì 21 novembre si è tenuta l'inaugurazione della mostra Cepdi “La città di tutti. Le radici del futuro”, nella scuola G.Marconi a Basilicagoiano, tra documenti unici e testimonianze, un percorso socio-culturale per alunne ed alunni, dagli anni sessanta ad oggi, con uno sguardo al futuro sull’inclusione delle persone con disabilità.

 

L’esposizione documenta la storia dell’integrazione scolastica, lavorativa e sociale a Montechiarugolo delle persone con disabilità, raccogliendo e organizzando locandine, documenti, fotografie e filmati, a partire dagli anni Sessanta arrivando fino alle proposte per il futuro.

 

Il percorso espositivo

L’Amministrazione comunale di Montechiarugolo in collaborazione con il Cepdi (Centro Provinciale di Documentazione per l’Integrazione Scolastica, Lavorativa e Sociale), propone ad alunne ed alunni, insegnanti ed operatori scolastici, un viaggio tra i documenti che raccontano una storia d’eccellenza per Parma e provincia, che ha visto, dalla seconda metà del secolo scorso, una stagione di mutamenti e di crescita politica e sociale, che ha portato alla chiusura degli istituti e delle realtà segreganti in genere, per aprirsi all’accoglienza e all’integrazione delle persone disabili, tra lavoro, scuola, società, sport e tempo libero. Sono 18 i pannelli esplicativi, che accompagnano il visitatore tra le bacheche dei tanti documenti introvabili, le foto storiche e i monitor in cui saranno proiettati i video delle testimonianze. Sono stati interpellati insegnanti, politici, educatori, dirigenti scolastici, tante persone che nei decenni sono state protagoniste, su fronti differenti, dell’inclusione delle persone con disabilità. 

 

È l’esito di un lavoro di ricerca durato circa tre anni, che ha coinvolto anche l’Archivio storico del Comune di Parma, dove sono stati rinvenuti materiali unici, in particolare foto d’epoca degli istituti segreganti e delle classi differenziali.

Il percorso espositivo è stato curato da Veruska Bolletti e Francesca Barezzi.

 

"Questa mostra racconta un percorso fondamentale, le conquiste sociali e culturali che hanno cambiato in meglio il nostro paese, le nostre comunità. Un impegno che inizia con la conoscenza anche attraverso le testimonianze autentiche, per una vera integrazione possibile che passa soprattutto dalla scuola, dai nostri piccoli concittadini." Sindaco Daniele Friggeri

 

"Una mostra che resterà per qualche tempo a disposizione delle classi che, se vorranno, potranno organizzare collateralmente attività e progettualità sul tema. Ringrazio il Cepdi di Parma e la dirigente scolastica Marianna Rusciano per questa preziosa collaborazione. Questa iniziativa vuole essere ulteriore stimolo per nutrire la curiosità e la consapevolezza tra i nostri giovani sul valore dell'integrazione." Ass. Francesca Tonelli 

 

Un lavoro partecipato

La mostra, realizzata da Cepdi e Comune di Montechiarugolo, con il contributo di Fondazione Cariparma, nasce in collaborazione con Università di Parma, Agenzia per il lavoro Emilia-Romagna – Ufficio collocamento mirato di Parma, Anmic (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili), Css (Consorzio di Solidarietà Sociale), Gioco Polisportiva, Uici (Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti), Aid (Associazione Italiana Dislessia), Fa.Ce (Famiglie Cerebrolesi), Ens (Ente Nazionale Sordi), Uisp (Unione Italiana Sport Per Tutti), Associazione Voglia di leggere “Ines Martorano”.

 

L’accessibilità culturale

Un aspetto fondamentale del progetto, sul quale si è concentrata l’attenzione dei curatori, è l’accessibilità culturale, che permetterà di rileggere la mostra in una chiave nuova e soprattutto rende fruibili a tutte e tutti gli studenti i documenti del percorso, attraverso testi ad alta leggibilità, linee del tempo, mappe concettuali (schede di immediata lettura), QR code con audioguide, video con sottotitoli. Non ci sarà alcuna barriera fisica e architettonica, saranno accessibili tutti i contenuti.

 

Lo scopo

La mostra ha l’obiettivo di arricchire culturalmente i giovani, accrescendo la conoscenza sul mondo della disabilità e nello stesso tempo aumentando il grado di inclusione della società. Una vera integrazione è possibile, ma solo attraverso un nuovo senso di cittadinanza, aperta e inclusiva, che parta dalla conoscenza di una pagina storica di rilievo per la comunità e per i futuri cittadini. 


Informazioni utili

Sito internet: www.cepdiparma.it

Ingresso gratuito riservato a studenti, genitori, insegnanti ed operatori scolastici.

Durante il periodo di apertura dell’esposizione le classi potranno organizzare, collateralmente, attività e progettualità sul tema.

 


Pubblicato il 
Aggiornato il